Allarme aggressioni negli ospedali: Consulcesi lancia iniziative importanti per dire stop alla violenza

Emergenza aggressioni tra le corsie ospedaliere. L’anno 2020 si è aperto con altre due aggressioni in poche ore ai medici e al personale sanitario. Gli episodi si sono verificati nelle zone del napoletano. Il primo attacco violento si è registrato poco dopo la mezzanotte quando, nel quartiere di Barra, un petardo è stato scagliato verso un’ambulanza. Il secondo avvenimento si è verificato presso il nosocomio “San Giovanni Bosco”, dove una dottoressa è stata assalita con una bottigliata sul viso. Si presume l’aggressore fosse un paziente con problemi psichiatrici. Questi due nuovi episodi si sommano ai casi che, ogni anno, coinvolgono migliaia tra medici e personale sanitario, vittime di aggressioni fisiche o verbali da parte di pazienti o parenti. Molti casi non vengono denunciati e i numeri non restituiscono pienamente le cifre reali del fenomeno. Stando ai dati riportati dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Omceo), nel 2019 i casi di violenza su medici e operatori sanitari sono stati 1200, con una media di 3 aggressioni quotidiane. Il sindacato dei medici dirigenti Anaaao Assomed riferisce che i casi di violenza fisica e verbale riguardano 7 medici su 10, per un totale del 66%. Sempre Anaao Assomed aggiunge che, su questo 66%, due casi su tre hanno riguardato un episodio di aggressione verbale, il resto ha subito violenza fisica. I reparti più esposti ad episodi di violenza sono il pronto soccorso e la psichiatria. Le aree più toccate dagli episodi di violenza e aggressione nei confronti di medici e personale sanitario sono il Sud, con il 72% dei casi, e le Isole, con 80% degli episodi denunciati, soprattutto tra il personale del pronto soccorso. Consulcesi, pool legale e sostegno per oltre 100000 tra medici e personale sanitario, da oltre un anno ha lanciato “ telefono rosso”. Si tratta di un servizio gratuito che Consulcesi ha messo a disposizione di medici e sanitari vittime di aggressione, al fine di assicurare una protezione dal punto di vista legale e un sostegno psicologico. A proposito delle cifre sulle aggressioni, Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, afferma: “I numeri sono molti di più. Buona parte dei medici, come ci rivelano le oltre 200 segnalazioni del telefono rosso, non denunciano per vergogna, rassegnazione o timore di ulteriori soprusi”. Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, sottolinea come i casi di violenza riguardino tutti i ruoli all’interno dell’organigramma ospedaliero, poiché sono vittime di aggressioni “diverse categorie lavorative, dalle ostetriche ai chirurghi”. Quotidianamente il personale medico è bersaglio di aggressioni fisiche o accuse verbali, che contribuiscono a creare un’atmosfera di insofferenza nei confronti di questa particolare categoria professionale. Medici di pronto soccorso, negli studi privati e operatori sanitari subiscono attacchi continui e sono vittime di denunce che, nel 90% dei casi, si risolvono nel nulla. Le denunce attivano, però, procedimenti nel settore della medicina difensiva, con conseguenze economiche di rilievo per le casse pubbliche. Gli episodi hanno un riverbero sulle associazioni dei consumatori, preoccupati per il livello di formazione di cui gli operatori sanitari sono in possesso. Si tratta di una serie di eventi che rischia di incrinare e annientare la relazione di fiducia tra il personale medico ed il paziente. Il perpetuarsi di episodi di aggressioni fisiche e verbali nei confronti del personale sanitario deve rappresentare un monito e deve spingere alla messa in atto di adeguati progetti di prevenzione e protezione. Gli attacchi di violenza rischiano di avere conseguenze psicologiche sul personale sanitario, che fa registrare un numero sempre più importante di burn – out, e sui pazienti. Questi ultimi, infatti, rischiano di vedere rovinata la relazione professionale e di fiducia con il personale medico e sanitario. Gli episodi di aggressioni non possono essere scongiurati né evitati, ma è fondamentale fare attività di prevenzione, al fine di prevederne l’accadimento. Un iter di formazione potrebbe essere la migliore soluzione per tornare ad un livello di normalità e ristabilire una relazione di fiducia tra medico e paziente. A tal proposito, interviene ancora il supporto di Consulcesi e del suo Presidente, Massimo Tortorella che sottolinea: “Il 10% dei nostri corsi di formazione rivolta ai medici è dedicato al miglioramento del rapporto medico paziente attraverso l’acquisizione di strumenti di comunicazione efficace per superare conflitti e criticità che possono generarsi dalla pratica della professione medico sanitaria”. Sulla scia di queste affermazione, proprio Consulcesi offre tra le iniziative per l’anno 2020 un’esperienza formativa sulla difesa dalle aggressioni sul luogo di lavoro. Consulcesi, poi, da sempre impegnato nella tutela dei medici e del personale sanitario, un anno fa ha promosso una petizione su Change.org. Quest’ultima ha come obiettivo fermare i sentimenti di violenza ed odio che potrebbero nascere tra medico e paziente e incoraggiare la formazione del Tribunale della Salute. L’iniziativa del Tribunale lanciata da Consulcesi ha come obiettivo fornire un luogo di conciliazione tra le parti in conflitto, dove promuovere  il dialogo costruttivo e un pacifico raffronto. Oltre 21.140 persone hanno già aderito alla petizione. Il link per firmare e sostenere la petizione è il seguente: https://www.change.org/p/subito-il-tribunale-della-salute-basta-contrapposizioni-tra-medici-e-pazienti

I commenti sono chiusi.