Consulcesi “chiama alle armi” i suoi 120 mila medici per fronteggiare #inprimalinea l’emergenza Covid -19

Prosegue l’attività di formazione della categoria per affrontare la situazione straordinaria: oltre al Docufilm a disposizione i corsi on line per la comunicazione medico-paziente  

Consulcesi lancia un appello a tutti i medici e operatori sanitari in pensione per mettere la loro esperienza al servizio dell’emergenza sanitaria da coronavirus. «Servono con urgenza risorse da impiegare nelle terapie intensive, nei reparti di Pronto Soccorso e per sostituire i medici costretti in quarantena, – ha dichiarato il Presidente Consulcesi Massimo Tortorella – non possiamo attendere il provvedimento del presidente del Consiglio che prevede le assunzioni di nuovi medici». 

Il richiamo alle armi di Consulcesi è rivolto agli oltre 120 mila medici, agli infermieri e agli operatori socio sanitari che fruiscono dei numerosi servizi legali e formativi della realtà di riferimento del settore.  Alcuni di loro sono collocati in riposo negli ultimi anni ma sono ancora idonei a svolgere l’attività lavorativa. «Abbiamo già ricevuto adesioni spontanee – prosegue Tortorella -, ci sono tanti professionisti disponibili ad offrire il loro contributo.  Consulcesi si occuperà poi di interfacciarsi con le istituzioni e le strutture preposte per indirizzarli nelle sedi che ne richiederanno la presenza. Per aderire è sufficiente contattare il numero verde 800-122777 e fare riferimento alla campagna #inprimalinea che stiamo portando avanti sui nostri canali social». 

«Siamo al fianco dei medici e di tutti gli operatori sanitari che stanno facendo enormi sacrifici per fronteggiare questa emergenza. – prosegue Tortorella –  Il nostro Ssn si conferma un grande sistema sanitario composto da donne e uomini eccezionali, ogni giorno in prima linea per compiere il loro dovere civile». L’impegno di Consulcesi sul coronavirus non si ferma qui: recependo le indicazioni della task force coordinata dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, a breve sarà disponibile il nuovo progetto ECM il docufilm formativo sul nuovo Coronavirus. Completamente gratuito, grazie ad una modalità di fruizione semplice e veloce, il docufilm si rivolge essenzialmente agli operatori sanitari ma sarà a disposizione anche dei pazienti con percorsi suddivisi e parti comuni. In particolare, assume una rilevanza notevole la comunicazione – verbale e non – tra il medico ed il paziente. Su questo sono già attivi i corsi Fad (https://www.corsi-ecm-fad.it/) di Consulcesi Club.

AGGRESSIONI, CONSULCESI LANCIA ALLARME: ACCENDERE I RIFLETTORI ANCHE SU VIOLENZA VERBALE

Dopo la devastazione del pronto soccorso a Napoli ed il caso a Putignano

Il Presidente Massimo Tortorella: «Oltre ai casi mediatici, centinaia di episodi non denunciati e sottovalutati: fondamentale tutelare gli operatori sanitari sempre in prima linea senza far passare messaggi ambigui come per la gestione del Coronavirus»

«Giù le mani dai nostri operatori sanitari». Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi, si dice incredulo e indignato davanti agli ultimi incresciosi episodi di violenza che hanno riguardato medici e infermieri del Pronto soccorso di Napoli e dell’ospedale di Putignano, in provincia di Bari. «Non è in alcun modo accettabile che uomini e donne, costretti a turni infiniti e sempre in prima linea, ora anche per gestire gli effetti del Coronavirus, si ritrovino a dover rischiare la loro vita mentre sono intenti a salvarne altre. Per non parlare – aggiunge Tortorella – delle ripercussioni sull’attività e di conseguenza sui pazienti per i danni subiti dai presidi sanitari, mai come ora così indispensabili per noi pazienti. Mentre era in corso la devastazione di quel pronto soccorso c’erano centinaia di persone bisognose di cure che non hanno potuto ricevere e purtroppo si è registrato anche un decesso».

Tortorella mette in evidenza anche un altro aspetto delle aggressioni al personale sanitario: «Tornano ciclicamente sotto i riflettori dei media quando ci sono casi eclatanti come quello di Napoli dei giorni scorsi ma attraverso il nostro quotidiano contatto con gli operatori sanitari sappiamo che le aggressioni sono all’ordine del giorno ma purtroppo non vengono denunciate. E spesso – fa notare Tortorella – anche sottovalutate perché le minacce al pari della violenza verbale rappresentano dei fattori di rischio molto pesanti così come certe dichiarazioni uscite in questi giorni sui media che hanno messo in dubbio la professionalità ed il valore degli operatori sanitari nella gestione del Coronavirus».

Nonostante le misure di contenimento e prevenzione, il fenomeno delle aggressioni agli operatori sanitari resta un nervo scoperto. Per questo Consulcesi, nell’ambito della sua attività di difesa della categoria, mette a disposizione un servizio di consulenza gratuita per tutelarsi anche dal punto di vista legale, contattando l’800.122.777 oppure direttamente attraverso il sito www.consulcesi.it 

CONSULCESI: 7 MANAGER SU 10 SONO DONNE E IL 60% DELLA FORZA LAVORO È ROSA

In occasione dell’8 marzo oltre al consueto cadeau anche un voucher pacchetto prevenzione per le patologie ginecologiche a tutte le dipendenti

Roma, 6 marzo –  Healthy snack, assorbenti gratuiti, eliminazione della plastica, palestra e stanza delle idee tra le iniziative di welfare aziendale. Quando le donne ricoprono ruoli dirigenziali, l’attenzione è puntata non solo al business e al raggiungimento degli obiettivi ma anche all’acquisizione di soft skills aziendali che riguardano il welfare dei dipendenti, la creazione armonica di team di lavoro, la facilitazione di stili di vita salutari e sono impegnate per salvaguardare il green e all’ambiente. 

È il caso di Consulcesi, realtà legale e di formazione di riferimento internazionale per 120 mila medici. La presenza ‘rosa’ in Consulcesi è molto marcata, con 7 donne su 10 che sono al comando delle più importante aree strategiche dell’azienda: dal Finance, alla Formazione, passando per Segreteria Generale, Personale, Area Legale e la Direzione Generale.

L’attenzione al femminile si declina anche con un altro importante benefit sanitario: la disponibilità gratuita di assorbenti igienici per le donne che lavorano in azienda.

«È importante per la nostra realtà essere vicino alle nostre dipendenti ogni giorno, non con fiori ma con iniziative, idee e progetti concreti per migliorare il benessere delle nostre risorse più preziose e di tutta l’azienda. In occasione dell’8 marzo, ad ogni modo, oltre al tradizionale cadeau, offriremo un pacchetto di prevenzione della salute femminile, in particolare per le patologie ginecologiche, in accordo con il Centro Diagnostico Artemisia Lab di Roma – dichiara Cristiana Mormile, tra i manager della sede di Roma di Consulcesi».

I valori femminili di Consulcesi si esprimono anche attraverso l’applicazione di corretti stili di vita, l’attenzione al green e all’ ambiente. Da gennaio 2020 è stata disposta l’eliminazione della plastica in tutte le aree di lavoro, sono stati installati corner di acqua potabile e distribuite borracce termiche a tutti i dipendenti e aggiunti healthy snacks nei distributori automatici. Tra i numerosi fringe benefits inoltre è utilizzabile la palestra con ingresso continuato dalle 7 alle 19.

 «Da molti anni portiamo avanti un programma di welfare aziendale che prevede sostegno sanitario, screening gratuiti, ma anche spazi di benessere per ricaricare le energie. Il 60% della nostra forza lavoro è donna – commenta Simona Gori, Direttore Generale di Consulcesi Group e una grande percentuale di giovani assunti a capo di aree strategiche”. 

Altro fiore all’occhiello di Consulcesi è “H!DEA”, lo spazio smart realizzato per alimentare motivazione, azioni ed emozioni positive, realizzato con spazi flessibili adatti a seguire un processo evolutivo continuo.

H!DEA – La stanza delle idee Anche in questo caso c’è il “tocco femminile” del Ceo di Magisco DesignFrancoise Jourdan, che seguendo il principio ispiratore dell’“architettura della positività” ha progettato un ambiente che attraverso un percorso sensoriale di luci, immagini e poltrone destinate allo smart relax ha creato un microcosmo ideale per ricaricare le energie e liberare la mente, per stimolare produttività, riflessione e creatività.

Da Consulcesi 100mila euro per 25mila mascherine per il Policlinico “San Matteo” di Pavia

Alessandro Venturi, Presidente Fondazione San Matteo Di Pavia: «Dispositivi di protezione di difficile reperimento, il San Matteo in trincea dal 21 febbraio per affrontare l’emergenza»

Il Presidente Massimo Tortorella aggiunge: «Pronti ad aiutare ancora di più e soprattutto a fare rete per lanciare altre iniziative a sostegno dell’IRCCS» 

Pavia, 12 marzo – Consulcesi risponde con una donazione di 100mila euro per l’acquisto di 25mila mascherine all’appello di ospedali e operatori sanitari in prima linea per fronteggiare l’emergenza Coronavirus

«Abbiamo deciso di sostenere la Fondazione IRCCS del Policlinico San Matteo di Pavia per contribuire alla dotazione per medici ed infermieri di mascherine FFP3, le più efficaci per la protezione dal Coronavirus ed altri agenti patogeni». Lo annuncia Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, realtà di riferimento per tutela legale e formazione nel mondo medico-sanitario. 

«Siamo grati a Consulcesi – dichiara il presidente della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Alessandro Venturiper questa importante donazione di dispositivi di protezione individuale di difficile reperimento sul mercato in questo momento drammatico. È la riconferma della testimonianza di solidarietà e vicinanza a tutto il personale del policlinico San Matteo che dal 21 febbraio è in trincea per proteggere e prendersi cura di tutti.  I dispositivi di protezione individuale sono un bene essenziale per il nostro personale sanitario affinché possa continuare ad operare in sicurezza all’interno di un ospedale che nel giro di pochi giorni ha accolto oltre 150 persone contagiate da Covid19».

In questo particolare momento, Consulcesi attraverso il quotidiano contatto con i nostri oltre 120mila operatori sanitari sta raccogliendo numerose richieste. «Noi abbiamo fatto un primo passo – aggiunge Tortorella – e siamo ora pronti anche ad avviare e sostenere altre iniziative, attraverso i nostri contatti istituzionali e insieme a cittadini e imprese, per ampliare la rete delle donazioni. La sanità italiana sta dimostrando professionalità e cuore in questa emergenza e non va lasciata sola, ma sostenuta e messa nelle condizioni di lavorare con gli strumenti essenziali alla gestione del Covid-19».Il Presidente Tortorella spiega anche il motivo che ha spinto Consulcesi a donare al “San Matteo”: «Recentemente sono stato in visita all’Ospedale San Matteo e mi ha colpito la dedizione e l’efficienza di tutto il personale al lavoro in maniera incessante in una situazione oggettivamente complicata e fuori dall’ordinario. I media ci stanno abituando, soprattutto attraverso altre strutture ospedaliere a queste immagini, ma vederle in prima persona mi ha fatto cogliere l’umanità della missione che portano avanti medici e infermieri».

Emergenza Coronavirus: Consulcesi lancia la campagna “Prima linea. Prima e dopo” per dire grazie a medici ed operatori sanitari

Il Presidente Tortorella: “Il grazie di oggi si traduca in piani concreti contro aggressioni, turni massacranti e carenza di personale”. 

Roma, 16 marzo 2020. Parte oggi la campagna di Consulcesi “Prima linea, prima e dopo” per dire grazie a medici e operatori sanitari contro il COVID19 e per non dimenticarci di loro una volta ritornati alla normalità. Turni massacranti, aggressioni, retribuzioni negate, strutture carenti sono i problemi che affronta il personale sanitario ogni giorno, sempre denunciati da Consulcesi. Ciò nonostante, oggi queste persone sono in prima linea a difendere la salute pubblica: un diritto costituzionale garantito solo grazie a loro. 

La campagna di Consulcesi ha l’obiettivo di stimolare istituzioni e società civile affinché i grazie innumerevoli e pieni di riconoscenza postati sui social o pubblicati sulle testate giornalistiche si tramutino domani in tutele concrete per queste categorie. La campagna verrà postata sui social del gruppo Consulcesi e inviata a 120 mila medici e operatori sanitari, e a loro arriverà anche una lettera aperta del Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella.  

Consulcesi ha scelto una immagine che raffigura il profilo di un uomo distrutto dalla fatica, lo stetoscopio che penzola dalle mani giunte, appoggiate sulla fronte. «È una fotografia della situazione che stanno vivendo gli operatori sanitari nella battaglia contro il Coronavirus. – dichiara Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi – Una battaglia combattuta spesso a mani nude, senza adeguati strumenti e dispositivi di prevenzione, e proprio per questo altamente rischiosa proprio per chi ha nelle mani la salute del Paese. Uomini e donne coraggiose a cui Consulcesi, la realtà che da sempre li rappresenta e li tutela, ha voluto ringraziare uno ad uno con la campagna Prima linea, prima e dopo».

LETTERA APERTA DI MASSIMO TORTORELLA, PRESIDENTE CONSULCESI

«Mai come oggi, agli operatori sanitari si chiede tanto. Mai come domani, dovremmo ricordarcene. Questa emergenza ci sta insegnando quanto sia importante avere una sanità efficiente nelle strutture e nelle persone e quello che noi cittadini oggi dobbiamo fare non è solo seguire scrupolosamente le regole imposte per limitare la diffusione del virus, ma anche non dimenticare i turni massacranti, aggressioni, retribuzioni negate, strutture carenti che affrontano da anni queste persone, e nonostante questo, oggi sono in prima linea a difendere la salute pubblica. 

In questi giorni di difficoltà ed ansie per tutta la popolazione gli operatori sanitari con il loro immane sacrificio sono il pilastro che sta sostenendo tutta la popolazione italiana. 

Grazie di tutto. Da tutti. Come tutti gli italiani avremmo voluto abbracciarli ma come è noto non è possibile. Allora abbiamo utilizzato ciò che da sempre ci tiene in contatto, i servizi web, e così ad ognuno di loro, arriva il nostro grazie. La nostra speranza è che condividendo sui social e con ogni altro mezzo il nostro “grazie” si possa far sentire a tutti loro che tutta l’Italia è fiera di loro e che il loro in prima linea lo dovremo ricordare.GRAZIE non è abbastanza. Mai come oggi, agli operatori sanitari si chiede tanto… mai come domani, dovremmo ricordarcene. 

Massimo Tortorella  

Presidente Consulcesi 

“Prima linea, prima e dopo”: team legale Consulcesi lancia una campagna di ringraziamento a sostegno di medici e operatori socio – sanitari

Il team legale Consulcesi, da anni punto di riferimento per medici e operatori sanitari, ha lanciato la campagna “Prima linea, prima e dopo”, al fine di mostrare riconoscenza e gratitudine al personale medico – sanitario che sta fronteggiando l’emergenza sanitaria da Coronavirus e non dimenticare il loro sacrificio al termine dell’epidemia. Nonostante i turni estenuanti, gli episodi di violenza subiti, gli stipendi mancati, le strutture deficitarie e i problemi affrontati ogni giorno, il personale medico e sanitario è impegnato ogni giorno a salvaguardare la salute della collettività, un diritto costituzionale riconosciuto a tutti, ma possibile solo grazie al loro operato quotidiano. “Prima linea, prima e dopo”, la campagna lanciata dal team legale Consulcesi, è finalizzata ad incoraggiare le società e le istituzioni perché i tanti messaggi, post e testimonianze di riconoscenza pubblicati sui social e sui giornali, si trasformino nell’immediato futuro in garanzie e tutele concrete per la categoria dei medici e degli operatori socio – sanitari.

Il lancio della campagna “Prima linea, prima di tutto”, lanciata dal pool legale Consulcesi, avverrà sui social e del gruppo Consulcesi e poi inviata a 120000 medici e operatori sanitari. La campagna sarà poi accompagnata da una lettera aperta del Presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella. L’immagine che accompagna la campagna “Prima linea, prima e dopo”, lanciata dal team legale Consulcesi, riassume bene il momento di grande emergenza. Si tratta, infatti, del profilo di un uomo sfiancato dalla stanchezza, mani giunte appoggiate sulla fronte e da cui pende uno stetoscopio. Massimo Tortorella, presidente del team legale Consulcesi, spiega la scelta: “È una fotografia della situazione che stanno vivendo gli operatori sanitari nella battaglia contro il Coronavirus”. Poi, Massimo Tortorella, presidente del team legale Consulcesi, sottolinea come medici e operatori socio – sanitari stiano fronteggiando l’emergenza senza poter contare sui giusti strumenti o misure di prevenzione. Questo rende tutto più rischioso per chi lavora nel comparto medico – sanitario. Così, il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella, ha aggiunto che il team legale Consulcesi, da sempre punto di riferimento per medici e personale sanitario, “ha voluto ringraziare uno ad uno con la campagna Prima linea, prima e dopo”. Il testo della lettera aperta con cui Massimo Tortorella, presidente del team Consulcesi, ha voluto esprimere solidarietà e ringraziamento al personale medico e socio – sanitario, sottolinea gli sforzi e sacrifici di questi giorni. Pertanto, in relazione a questa grave emergenza sanitaria, Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, ha evidenziato quanto sia fondamentale “avere una sanità efficiente nelle strutture e nelle persone” e ha esortato i cittadini “non è solo seguire scrupolosamente le regole imposte per limitare la diffusione del virus, ma anche non dimenticare i turni massacranti, aggressioni, retribuzioni negate, strutture carenti che affrontano da anni queste persone, e nonostante questo, oggi sono in prima linea a difendere la salute pubblica”. Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, ha definito gli operatori sanitari “un pilastro che sta sostenendo tutta la popolazione italiana”. Nel testo della lettera, Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, ha espresso il suo grazie al personale medico – sanitario e ha loro dedicato un abbraccio virtuale, nella speranza “che condividendo sui social e con ogni altro mezzo il nostro “grazie” si possa far sentire a tutti loro che tutta l’Italia è fiera di loro e che il loro in prima linea lo dovremmo ricordare”. Ribadendo la sua gratitudine, il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella, ha concluso la sua lettera affermando: “GRAZIE non è abbastanza. Mai come oggi, agli operatori sanitari si chiede tanto… mai come domani, dovremmo ricordarcene”.

Riscatto Laurea Agevolato con Consulcesi & Partners

RISCATTO LAUREA AGEVOLATO: MEDICI IN FUGA DAL SSN BOOM DI RICHIESTE PER CONSULCESI & PARTNERS Il network legale C&P sta gestendo centinaia di richieste arrivate nel giro degli ultimi 10 giorni: limiti d’età, calcoli, riscatto agevolato ed opzione donna: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Se da un lato, bisogna fronteggiare la carenza di medici negli ospedali con misure straordinarie che consentono di lavorare fino a 70 anni, dall’altro lato, i desideri dei camici bianchi sembrano andare in direzione opposta. A seguito delle novità introdotte dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sanitaria, il network legale dei professionisti sanitari Consulcesi & Partners registra un boom di richieste – con centinaia di richieste in pochi giorni –  da parte dei medici per il supporto all’avvio dell’iter di riscatto della laurea in Medicina e degli anni di specializzazione post universitaria.

Le nuove norme per il riscatto della laurea potrebbero rappresentare un importante strumento per molti medici e operatori sanitari per programmare un ritiro dal lavoro in tempi congrui e dignitosi, che consentirebbero, qualora ci fossero i presupposti, di accedere alla pensione anticipatamente. Con la circolare n. 6 del 22 gennaio 2020, l’INPS amplia considerevolmente la platea dei possibili beneficiari del riscatto di laurea, estendendo il diritto anche a coloro che hanno conseguito il titolo di studio prima del 1996, o a cavallo di quell’anno, ed eliminando i vecchi limiti d’età a 45 anni.

Facciamo chiarezza per i medici.

Se un medico che inizia a lavorare a trent’anni non riscatta la laurea, i 38 anni della quota 100 ma anche i 42 anni, li raggiunge oltre i 67 anni. Quindi è del tutto evidente che, per chi ha una carriera lunga e vuole assicurarsi la possibilità di andare in pensione ad una età non troppo tarda, e programmare un’uscita dal lavoro che non sia intorno ai 70 anni, il riscatto della laurea è importante. 

Come funziona? 

È possibile riscattare fino a cinque anni di studi universitari, compresi gli anni di specializzazione medica, versando la somma di 5.260,00 euro per ciascun anno, anche per coloro che abbiano conseguito il titolo di studi prima del 1996, ma a condizione che il medico abbia:

– meno di 18 anni di contributi versati prima del 31/12/1995;

– almeno 15 anni di contributi complessivamente versati al momento della prestazione della domanda di riscatto;

– almeno 5 anni accantonati dopo il 1996 (con il sistema contributivo).

L’Inps ha anche chiarito che la facoltà di riscatto agevolato potrà essere richiesta contestualmente alla domanda di pensione nel caso di accessi anticipati che comportino, anche indirettamente il ricalcolo contributivo dell’assegno. Si deve ricordare che l’opzione per il calcolo contributivo della pensione deve intendersi irrevocabile sia se esercitata al momento del pensionamento, sia se esercitata nel corso della vita lavorativa quando produce effetti sostanziali. Il pagamento potrà essere liquidato in un’unica soluzione, oppure dilazionato fino a 120 rate mensili. 

Come avviene il calcolo? 

Condizione essenziale per poter accedere al sistema del riscatto agevolato è che il lavoratore, che voglia far considerare gli anni di studio antecedenti al 1996, opti per la liquidazione dell’assegnazione della pensione con il solo metodo contributivo. In altre parole, con i versamenti in misura fissa, indipendentemente dal livello di reddito o dallo stato occupazionale, si potranno coprire gli anni scoperti da contribuzione nel diritto, ma non anche nella misura. Fino al 31 dicembre 1995, infatti, il sistema di calcolo della pensione è retributivo, mentre dopo diventa contributivo. Ebbene, gli anni riscattati per motivi di studio ante 1996 saranno considerati dall’Inps ai fini pensionistici sono nel regime contributivo, in deroga al sistema di calcolo tradizionale.

Riscatto agevolato ed Opzione donna:

La circolare si occupa anche delle lavoratrici che abbiamo maturato i requisiti per l’anticipo pensionistico cd. “opzione donna”, che prevede comunque la conversione del metodo contributivo.

Le lavoratrici che abbiano raggiunto il requisito anagrafico per accedere al pensionamento con l’Opzione Donna, ovverosia 59 anni per le lavoratrici autonome a fronte dei 58 per quelle dipendenti, possono quindi incrementare l’altro requisito richiesto dei 35 anni di anzianità contributiva, eventualmente non ancora raggiunto, usufruendo del riscatto di laurea in forma agevolata calcolato con il metodo a percentuale.

Riscatto agevolato degli anni di studio, boom di richieste da parte dei medici al pool legale Consulcesi

Nonostante il deficit di medici nelle struttura sanitarie e la necessità di trattenere i camici bianchi tra le corsie degli ospedali fino a 70 anni, gli interessati sembrano avere aspirazioni diverse. Dopo le tante novità introdotte dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sanitaria, il pool legale Consulcesi & Partners, da anni punto di riferimento e sostegno per medici e personale sanitario, ha fatto registrare un picco di richieste in pochissimi giorni da parte di un elevato numero di medici. Infatti, questi ultimi hanno richiesto il supporto legale del team Consulcesi al fine di avviare la procedura di riscatto degli anni della laurea in Medicina e di quelli della specializzazione post laurea. Il riscatto degli anni della laurea è sottoposto ad una legislazione che potrebbe agevolare medici ed operatori sanitari nella pianificazione di un ritiro dalla professione in tempi adeguati e dignitosi. Inoltre, se si creassero le giuste condizioni, le nuove norme per il riscatto degli anni universitari potrebbero aiutare medici ed operatori sanitari ad accedere alla pensione anticipata. L’INPS ha diffuso, infatti, la circolare numero 6 del 22 gennaio 2020, nella quale ha previsto la presenza di un numero maggiore di beneficiari del riscatto degli anni della laurea, includendovi quelli che hanno conseguito il titolo prima o a cavallo del 1996, senza il limite d’età, prima fissato a 45 anni. Dunque, il beneficio derivato dal riscatto degli anni universitari diventa fondamentale per il professionista che desidera portare avanti una carriera lunga nel campo medico e che, allo stesso tempo, voglia ritirarsi dal lavoro prima dei 70 anni. Il riscatto degli anni universitari e della specializzazione post laurea diventa condizione possibile se si versa un contributo pari a 5260 euro per ogni anno. Hanno accesso al beneficio anche coloro che hanno conseguito il titolo prima del 1996, purché si realizzino le seguenti condizioni: meno di 18 anni di contributi versati prima del 31/12/1995; almeno 15 anni di contributi versati quando si presenta la domanda di riscatto; almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1996 attraverso il sistema contributivo. L’INPS ha poi affermato che il diritto al riscatto agevolato potrà essere avanzato anche in contemporanea alla presentazione della domanda di pensione, qualora si realizzi una pensione anticipata, per cui sarà necessario un ricalcolo contributivo indiretto dell’assegno. Il calcolo contributivo per la pensione è irrevocabile se tale opzione è stata messa in pratica al momento del pensionamento e nel corso dell’attività professionale, quando realizza effetti sostanziali. Il pagamento potrà essere realizzato in un’unica soluzione o procrastinato fino a 120 rate dal carattere mensile. Il lavoratore che desideri accedere al sistema di riscatto agevolato e voglia inserire gli anni di studio precedenti al 1996 deve prediligere la liquidazione dell’assegnazione della pensione attraverso il metodo contributivo. La procedura si potrà realizzare mediante i versamenti in misura fissa, senza prestare attenzione al livello di reddito o allo stato occupazionale. In questo modo, infatti, si potrà procedere con la copertura degli anni scoperti da contribuzione, ma solo nel diritto e non nella misura. Il sistema di pensione ha assunto carattere retributivo solo fino al 31 dicembre 1995, poiché in seguito ha assunto un carattere contributivo. Pertanto, gli anni di studio portati avanti prima del 1996 e che si desidera riscattare verranno considerati dall’INPS ai fini pensionistici all’interno del regime contributivo, ma solo in deroga al sistema di calcolo tradizionale. La circolare pubblicata dal pool legale Conculcesi, poi, riserva una particolare attenzione alle lavoratrici, che siano in possesso dei requisiti per l’accesso anticipato alla pensione, grazie all’opzione donna. Anche questa possibilità prevede la conversione del metodo contributivo. Le dipendenti che siano in possesso dell’adeguato requisito anagrafico per accedere al pensionamento con l’Opzione Donna (59 anni per le lavoratrici autonome, 58 per quelle dipendenti), possono accrescere l’altro requisito richiesto dei 35 anni di anzianità contributiva, eventualmente non ancora raggiunto, usufruendo del riscatto di laurea in forma agevolata calcolato con il metodo a percentuale.

Relazione sull’Amministrazione della Giustizia 2019, pool legale Consulcesi evidenzia l’inefficacia della mediazione in tema di controversie medico – paziente

Dalla conclusione della Relazione sull’Amministrazione della Giustizia 2019, esposta in tempi recenti dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, è emerso che l’istituto della mediazione non porta i frutti sperati nella risoluzione delle controversie medico – paziente, in relazione alla questione della responsabilità sanitaria. Pertanto, l’istituto della mediazione è stato eliminato dalla delega del disegno di legge della riforma della giustizia civile, che Bonafede ha presentato lo scorso 5 dicembre, in seno al Consiglio dei Ministri. Nonostante questo dato sfavorevole, la relazione annuale ha mostrato comunque un significativo calo dei processi civili in corso di fronte agli organi di giustizia, anche se resta il problema della loro eccessiva durata. Inoltre, altra criticità importante resta l’adeguatezza delle Alternative Dispute Resolution (ADR – Risoluzione Alternativa delle Controversie), soprattutto nel settore della responsabilità sanitaria. Infatti, la legge consente di avvalersi della mediazione per responsabilità medica, evitando il giudizio. La relazione mette in luce come l’istituto della mediazione permetta il raggiungimento di un accordo su questioni quali i Diritti reale, il Comodato ed i Patti di Famiglia. In tematiche come i Contratti bancari, finanziari, assicurativi ed il Risarcimento danni per responsabilità medica, invece, il raggiungimento dell’intesa è obiettivo più complesso. Dalle conclusioni della Relazione annuale sull’Amministrazione della Giustizia 2019, dunque, emerge come la causa principale che impedisce la risoluzione pacifica dei contenziosi è la mancata volontà degli attori coinvolti nel voler individuare una soluzione condivisa. Il Governo pare abbia imboccato un percorso opposto a quello indicato e preferito dall’Unione Europea che, a tal proposito, incoraggia alla messa in atto di Alternative Dispute Resolution sempre più performanti, al fine di ottenere i migliori esiti. Anche l’iter previsto dal sistema 696 bis del Codice di Procedura Civile, in tema di Accertamento Tecnico e Ispezione Giudiziale, non riesce a perseguire gli obiettivi previsti, a causa dei costi eccessivi, dei tempi lunghi, delle difficoltà emerse dal procedimento e dall’assenza della Compagnie assicurative. Il quadro si completa con il richiamo del Primo Presidente della Corte di Cassazione che, all’interno della sua relazione annuale, menziona velatamente che i decreti sulla Legge Gelli non sono stati emanati, sottolineando dunque, l’inadeguatezza e l’assenza delle istituzioni in relazione ad una questione così stringente.

“Rischio clinico e gestione del contenzioso” al centro del Convegno, promosso da Consulcesi, Sanità In – Formazione e La Sapienza

“Il Rischio clinico e la gestione del contenzioso”, questo il titolo del Convegno organizzato dall’Università La Sapienza di Roma, con il supporto del team legale Consulcesi e di Sanità In – Formazione. Nel corso dell’incontro, a proposito delle tematiche affrontate, Vittorio Fineschi, professione ordinario di Medicina Legale presso La Sapienza, ha sottolineato la necessità di individuare “criteri di gestione comuni che consentano a tutti gli ospedali di seguire il medesimo approccio, una sorta di linee guida su scala nazionale di gestione del risk management”. Tuttavia, l’obiettivo si può conseguire unicamente attraverso un confronto tra le parti interessate e “l’individuazione di modelli virtuosi nelle varie strutture ospedaliere, con l’obiettivo di crescere metodologicamente insieme”. La prima giornata del convegno ha affrontato il tema della sicurezza delle cure, diviso tra il rischio clinico da un lato e la gestione delle eventuali controversie, dall’altro. Nel corso dell’incontro, infatti, si è proceduto con lo studio delle novità che la giurisprudenza ha operato nell’ultimo periodo, in relazione alla responsabilità professionale. L’attenzione si è rivolta alla 10 sentenze della Corte di Cassazione nel settore civilistico e alla pronuncia della Cassazione a sezioni unite nel comparto penale. L’incontro ha affrontato diversi temi, dalla violazione del consenso informato, al realizzarsi di aggravamenti o infezioni, fino al nesso do causa e alle tante questioni sulla valutazione del danno. Il confronto su queste tematiche ha sottolineato quanto sia importante mettere in pratica un approccio uniforme, al fine di attuare in modo completo la legge Gelli, che suggerisce la modalità di azione e di operare nel settore. Il Professor Fineschi, a tal proposito, ha affermato: “Questi anni sono stati importanti perché ormai a distanza di due anni, stiamo creando una situazione di consenso intorno alla legge e intorno a ciò che essa dice. Chiaramente il percorso è lungo e i decreti attuativi, in tal senso, daranno un ulteriore miglioramento a questa legge”. Temi quali il rischio clinico e la sicurezza delle cure mediche sono da tempo al centro di discussioni e dibattiti. Le organizzazioni sanitarie  sono da sempre in prima linea, al fine di individuare i giusti strumenti, per incrementare la qualità e fare prevenzione nei comparti assistenziali e sanitari. Gli ultimi anni hanno fatto registrare un picco nel numero delle azioni giudiziarie, che pazienti e congiunti hanno attivato nei confronti di medici e strutture sanitarie, pubbliche o private. Le statistiche hanno mostrato come negli ultimi tempi, su 8milioni di ricoveri per anno, 320000 paziente siano stati soggetti ad errori o deficienze organizzative all’interno delle struttura ospedaliere. Le controversie nel settore hanno raggiunto i 10000 – 12000 casi a livello nazionale. È compito del Risk Management identificare e definire quali sono gli interventi da mettere in atto, al fine di individuare, coordinare e limitare i rischi nel settore sanitario, soprattutto per i professionisti che vi operano. Anche la gestione delle controversie è stato altro tema centrale del convegno. La conduzione del contenzioso finisce, per la maggior parte delle volte, in un’aula del Tribunale e, a lungo andare, questo diventa un autentico problema. L’articolo 15 della Legge Gelli prevede la nomina obbligatoria da parte del giudice di un collegio, costituito da due professionisti, in particolar modo uno specialista in medicina legale ed uno nel coarto per cui si è aperto il contenzioso. Il Professor Fineschi  ha sottolineato la funzione del Consulente Tecnico d’Ufficio, in particolar modo del Collegio Peritale. A tal proposito, ha affermato: “Bisogna andare sempre più verso una maggiore qualità nella gestione dei processi valutativi propri della fase del contenzioso, secondo il percorso indicato dalla legge Gelli. La qualità è fondamentale per essere sempre in grado di giudicare l’operato di altri medici, quindi una peer review come direbbero gli anglosassoni, una valutazione dei comportamenti tra pari: solo così il giudice avrà la migliore disamina possibile da un punto di vista scientifico per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato”. Il convegno ha affrontato anche la questione assicurativa. A tal proposito, sono state mostrate le cifre raccolte nell’ultimo periodo, che hanno messo in luce problemi e possibilità in relazione alla prospettiva delle aziende di procedere con l’ “autoritenzione”, accollandosi il rischio economico, che potrebbe sorgere dal realizzarsi da eventi infausti. In questo caso, si paventa la possibilità di rimetterlo totalmente all’assicuratore di turno o fare ricorso al sistema misto. Le conseguenze derivanti da una delle soluzioni previste potranno evidenziarsi solo nel lungo periodo, poiché si tratta di tempi ampi, a cui va aggiunti l’eventuale ruolo svolto dai decreti che verranno emessi, in tema di assicurazione dei rischi sanitari. Il convegno, dunque, ha avuto come obiettivo discutere sul tematiche  fondamentali, che richiedono condivisione, unione ed uniformità, al fine di costruire una base solida, su cui il sistema sanitario potrà fondarsi.